#

Dopo una tempesta di vento e di pioggia, in un prato ormai scarno e bagnato, ripiegato su se stesso, appare uno stelo, ma guardandolo più da vicino, ecco la corolla appesantita dalle lacrime di pioggia, che punta verso la terra, che guarda in basso. Quel fiore è sempre stato lì. Lo si è calpestato, ignorato, schermito. Ma mai guardato, mai accarezzato, mai testato. E adesso che la tempesta si è portata via tutto, che i vestiti son volati tutti via, non rimane che la carne nuda e pallida distesa come una roccia, su un prato qualsiasi. Come mi chiamo ? Chi sono ? E nell’angoscia e disperazione, trovar un rimasuglio, un’ombra straziata dal vento – ancor viva, forse, per la prima volta.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.